• Google Art Project
  • Facebook
  • YouTube
  • Flickr
  • Trip advisor
  • Twitter
  • Followgram
  • Pinterest

Preziosi in trama e ordito

13/04/2014 - 20/04/2014

Fino al XX secolo alcuni  tessuti, soprattutto quelli di seta, erano fra i manufatti più cari e costosi prodotti dall’uomo, il cui valore spesso superava non solo quello di forme artistiche oggi più studiate e note, come la pittura o la scultura, ma anche di gioielli e di argenterie. Un altissimo valore economico che si rifletteva sul loro significato simbolico: poter sfoggiare un drappo di seta, sia nell’abbigliamento sia nell’arredamento, era appannaggio di pochi e il loro possesso veniva normato da rigide leggi suntuarie, leggi cioè che indicavano cosa poteva essere indossati dagli esponenti delle diverse classe sociali. Determinati tessuti, così come determinate fogge, potevano essere impiegati solo da una specifica classe sociale. Ed è proprio grazie al significato assunto dalla seta, ritenuta uno fra i materiali più idonei per la confezione di paramenti liturgici che, attraverso le fogge, i colori, simboleggiavano la maestà divina e  celebrare la gloria di Dio e della Chiesa. Attraverso una proposta di percorsi sarà possibile accostarsi a questi affascinanti e spesso poco conosciuti manufatti, soffermandosi sui loro impieghi principali: l’abbigliamento, l’arredamento e la liturgia.
Gli itinerari proposti porranno l’accento sull’analisi dell’evoluzione delle fogge o dei decori, ma anche su dati tecnici, attraverso  l’ausilio di specifici strumenti, come la lente contafili o il microscopio digitale che permettono di cogliere il fascino e la complessità delle diverse armature e intrecci.

Appuntamenti:
Domenica 13 aprile, ore 15.30 (visita aperta a tutti)
Domenica 20 aprile, ore 15.30 (riservata ad abbonati)
TESSSUTI D’ARREDO E MODA NEL MEDIOEVO
Nel concetto di studio e ricostruzione del Borgo Medievale, anche i tessuti ebbero la loro importanza.
L’itinerario parte con la visita guidata in costume alla Rocca, soffermandosi sulla presenza di tessuti di arredo quali cuscini, baldacchini, tovaglie scoprendoli al “tatto” attraverso diversi campionari di tessuto. Il percorso prosegue nell’analisi delle stoffe “alla moda” impiegate nell’abbigliamento, grazie alle numerose immagini di dame e cavalieri, presenti nelle decorazioni ad affresco.

Costo visita:
€ 4 (+ biglietto di ingresso – gratuito per possessori di Abb. Musei)
Prenotazione per la visita aperta a tutti: 011 5211788 - prenotazioniftm@arteintoirno.com
Prenotazione per la visita riservata abbonati: tel. 800-329329